Carla Mura - Esposizioni

Mostre Personali

e Collettive

 

 

Dicembre 2001

Confronti Nazionale nell’Arte

2a Mostra Nazionale – Cittadella dei Musei – Cagliari

 

Settembre 2001

Aldilà delle Apparenze

Mostra Personale – Atelier della Cornice – Cagliari

 

Aprile 2004

Di Segni e di Sogni

Mostra Collettiva – Associazione Culturale Rainbow – Progetto Aperto Galleria G28 – Cagliari

 

Giugno 2003

Rassegna “Imperfetto Futuro”

Art in Progress – IV Edizione Parco Pubblico Comunale – Sarroch

 

Maggio 2003

Rassegna “Imperfetto Futuro”

Art in Progress – Centro Culturale Man Ray – Cagliari

 

Maggio 2003

Catarsi - Mostra Collettiva – Centro Culturale Man Ray – Cagliari

 

Aprile 2003

Corpo Segno Superficie

Rassegna Internazionale di Arti Visive e Contemporanee – Castello Estense – Ferrara

 

Febbraio 2003

K. Variazioni

Mostra Personale – Centro Culturale Man Ray – Cagliari

 

Dicembre 2005

Amado Mio

Mostra Collettiva – Omaggio a Pierpaolo Pasolini – Teatro Civico di Sinnai (Ca)

 

Settembre 2005

Omaggio a PierPaolo Pasolini

Mostra Collettiva – Galleria La Bacheca – Cagliari

 

Marzo 2005

Per filo e per segno

Carla Mura, Gianni Atzeni, Italo Medda – Galleria g28 – Palazzo Marini – Cagliari

 

Febbraio 2005

Piccolo Formato

Mostra Collettiva – Spazio Zoom – Cagliari

 

Febbraio 2005

Centro Culturale Man Ray 1995-2000

Mostra Collettiva – Centro Culturale Man Ray – Cagliari

 

Settembre 2004

Piccolo Formato/3

Mostra Collettiva – Petites Perceptions Associazione Culturale Rainbow

Progetto Aperto Galleria G28 – Cagliari

 

 

 

Giugno 2004

Interazioni XVII

Festival Internazionale di Performing Arts, Video e Installazioni – Poliartstudio – Cagliari

 

Maggio 2004

Piccolo Formato/1

Mostra Collettiva – Associazione Culturale Rainbow – Progetto Aperto Galleria G28 – Cagliari

 

Novembre 2008

Fiera dell’Arte Accessibile - Milano

 

Luglio – Ottobre 2008

SUPERMART Arte al cm quadro

Galleria Arch Art & Jewels – Roma

 

Maggio 2008

L’incerta traccia della sola strada

Mostra personale – Studio E.M.P – Roma

 

 

2007 Ð 2008

Esposizione Permanente Galleria La Tartaruga - Roma

 

Aprile 2007

Fili

Mostra personale – Tad Concept Store – Roma

 

Settembre 2006

Tile de Sign Collection a cura di Laura Villani – Rimini

 

Marzo 2006

Esposizione Galleria Sterling - Roma

 

Febbraio 2006

Esposizione Studio GI.GA – Roma

 

Settembre 2009

E tu, tu sei reale?

Museo Archeologico di Stato di Grodno (Bielorussia)

 

Marzo 2009

Biennale del Mediterraneo

Palazzo Marchesale “De Franchis” – Taviano (LE)

 

Gennaio 2009

Esposizione Galleria D’Arte Ferraro - Roma

 

Settembre 2010

Electronic Art Cafè

Progetto Marchio EAC a cura di Achille Bonito Oliva e Umberto Scrocca – Piazza Farnese – Roma

 

Febbraio 2010

AB Factory

Evento d’arte visiva e performance – Roma

 

Gennaio 2010

Electronic Art Cafè

Progetto a cura di Achille Bonito Oliva e Umberto Scrocca – Filo – Roma

 

Dicembre 2010

Babel , 80 artisti 80 linguaggi

999 Gallery (Studio Soligo) – Roma

 

Dicembre 2010

20 x 20

Galleria La Tartaruga – Roma

 

Dicembre 2010

1 Opera Gallery – Cinetica a cura di Mariano Ipri, Giuseppe Ruffo e Pietro Tatafiore - Napoli

 

Ottobre 2010

Microcose

in collaborazione con Arion Associazione artistica e culturale, Centopercentoperiferia

 

Ottobre 2010

Centro Simed , esposizione a cura di Hofficina d’Arte – Piazza di Spagna – Roma

 

Settembre 2010

Microcose

in collaborazione con Arion Associazione artistica e culturale, Biblioteche di Roma, Comune di Roma

 

Marzo 2011

EAC – 150 anni dell’Unità d’Italia

Progetto a cura di Achille Bonito Oliva e Umberto Scrocca – Roma

 

Marzo 2011

God Save The Culture

Largo Baracche a cura di Giuseppe Ruffo, Mariano Ipri, Pietro Tatafiore, Napoli

 

Novembre 2011

Quadratonomade

progetto a cura di CentoxcentoPeriferia Arte in Movimento – Onna (Abruzzo)

 

Ottobre 2011

Immagini di fili

patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova – Galleria La Rinascente – Padova

 

Giugno 2011

Microcose, progetto a cura di Centoxcentoperiferia Arte in Movimento – Posta (RI)

 

Giugno 2011

Divina Commedia a cura di Giuseppe Ruffo, Mariano Ipri e Pietro Tatafiore –

 Presentazione in catalogo di Achille Bonito Oliva – PAN – Palazzo Arti Napoli

 

Giugno 2011

Terza Edizione EMERGENZE

a cura di Paola Consorti – Omaggio a Piero Dorazio e Gianni Asdrubali – Roma

 

Maggio 2011

The First Art Hotel

a cura di Anna Marra – Mara Coccia Arte Contemporanea – Roma

 

Novembre 2012

55° Salon d’Art Contemporain de Garches - Paris

 

Dicembre 2012

Between a cura di Centopercentoperiferia – Quadratonomade – Sala Umberto – Roma

 

Dicembre 2012

Solidali con l’arte

Albornoz Palace Hotel – Spoleto

 

Novembre 2012

Fiera Arte Padova - Vecchiato Art Galleries

 

Ottobre 2012

Centrali Aperte – Quadratonomade

a cura di Centopercento Periferia – Centrale Idroelettrica di Acquoria – Tivoli – Roma

 

Ottobre 2012

Europa

critica stereofonica di Achille Bonito Oliva – mostra collettiva – progetto a cura di Limes Club Roma

e Flavio Alivernini – Ekos Gallery – Roma

 

Maggio 2012

Carla Mura

testo in catalogo di Luca Beatrice – Libreria La Diagonale – Roma

 

Marzo 2012

Basta una linea a fare un paesaggio

a cura di Luca Beatrice – Vecchiato Art Galleries – Padova Maggio 2013

 

La Divina Commedia

a cura di Giuseppe Ruffo, Mariano Ipri, Pietro Tatafiore – testi in catalogo di Achille Bonito Oliva,

Mario Franco, Marco Lista ed altri curatori

 

Febbraio 2012

Quadratonomade – Opere d’arte in scatola

progetto a cura di CentoxcentoPeriferia Arte in Movimento – Palazzo delle Esposizioni – Roma

 

2015

Arte Fiera Verona

Talk “A tu per tu” a cura di Andrea Aquilanti – Galleria Bianca Maria Rizzi e Matthias Ritter

 

2015

Galleria 33

Mostra a cura di Tiziana Tommei – Pietrasanta – Toscana

 

2015

Galleria Bianca Maria Rizzi e Matthias Ritter

Architetture Sensibili a cura di Alessandro Riva – Catalogo Maretti Editore – Milano

 

2015

Mostra Praestigium Contemporary Artists from Italy

Mostra relativa al progetto Imago Mundi/Fondazione per l’Arte Contemporanea Luciano Benetton a cura di Luca Beatrice – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – Torino

 

Novembre 2014

Et in Arcadia Ego

A cura di Efisio Carbone nell’ambito della mostra “Metti un nido in cittadella” progetto del Centro Culturale Man Ray – Spazio San Pancrazio – Cittadella dei Musei – Cagliari

 

Giugno 2014

Nulla è come sembra

(bipersonale) A cura di Tiziana Tommei – Galleria 33 – Arezzo

 

Marzo 2014

Imago Mundi

Acquisizione artista dalla Fondazione Luciano Benetton

 

Febbraio 2014

Temple University

La grande Illusione a cura di Manuela de Leonardis – Roma

 

Gennaio 2014

Carta d’identità

(mostra personale) a cura di Fabio Migliorati con il Patrocinio del Comune di Arezzo – Palazzo Chianini Vincenzi (Arezzo)

 

Dicembre 2012

Carta Canta

collettiva di opere a cura di Giuseppe Ussani D’Escobar – La Diagonale Libreria/Galleria – Roma

 

2016

Architetture Sensibili in Break a cura di Anja Gunjak Mirafiori - Motor Village – Torino

 

2016

Arte Fiera Bologna –

Stand Maretti Editore – Catalogo Carla Mura

 

2016

La strada di mattoni gialli Gold for Kids, asta silenziosa a favore della Fondazione Umberto Veronesi – Oncologia Pediatrica.

Galleria 33 – Arezzo

 

2017

THREADS a cura di Alessandro Riva

Galleria Grossetti – Palazzo Brandolin Rota – Venezia

 

2017

Paratissima – Mostra “A doppio Filo” a cura di AnnaChiara De Maio

Ex Caserma La Marmora – Torino

 

2017

“Poker di Donne” – Galleria Marzia Spatafora – Brescia

Carla Mura - Testi

Luca Beatrice, curatore d’arte ormai noto dice  di lei : È sufficiente una linea per rappresentare una città. Guardiamo un colore e vediamo un intero paesaggio. Nei segmenti e nei pattern cromatici di Carla Mura ci sono visioni di panorami, aperture su strade e città, finestre di una casa metropolitana, vetri opachi di un vagone di un treno, forse di un autobus, segnati dalla pioggia o dalla polvere stratificata. Non c’è rappresentazione eppure crediamo di vederli. Il bisogno di realtà impone di attribuire nomi all’astrazione. In alcuni casi viene in aiuto il titolo: “Libellula”, “Pullman”, “Metropoli”.

Il filo di cotone si sostituisce così ad acrilici e olii in risultati di sorprendente armonia cromatica e di cartesiana –nel senso di equilibrata- composizione visiva.

Da Kiki Smith a Claudia Losi e ancor più esplicitamente nel lavoro dell’egiziana Ghada Amer, il ricamo diventa cifra stilistica per riflettere sulla dimensione della femminilità nella cultura dominante.Carla Mura, diversamente dalle sue contemporanee, abbandona la figurazione per giocare in maniera più ironica con il materiale che diventa il soggetto stesso della rappresentazione. Come lei la giapponese Minjung Kim (utilizzando la carta velina) o l’argentina Alejandra Padilla (con la carta di giornale pressata). Certo i riferimenti estetici non le mancano, ma l’operazione di Carla Mura è meno fredda e distaccata dei suoi padri concettuali; in lei la manualità, l’azione associata al risultato ottenuto, rivela una visionarietà diversa, come detto, più intima.

Sono dettagli e ingrandimenti che fanno parte di un insieme reale ricostruito solo percettivamente. Allo stesso modo, l’abitudine alla visione fa nascere il dubbio che si tratti di pittura, di una stesura a olio graffiato di matrice espressionista. Lo sguardo disattento e sfocato fa pensare a un pennello spesso di colore trascinato sulle tele, come quelle dell’inglese Jason Martin e, prima ancora, del grande francese Pierre Soulages. Tutto questo meraviglioso mondo del filo è entrato a far parte della tecnica spontanea che Carla Mura ha per realizzare le sue opere. Attualmente vive e lavora in Veneto.

 

Carla Mura - Bio

Carla Mura nasce a Cagliari nel 1973. Dopo un lungo periodo di sola pittura inizia a realizzare le sue opere utilizzando un nuovo materiale da lei molto amato, il filo. Tutto questo meraviglioso mondo del filo è entrato a far parte della tecnica spontanea che Carla Mura ha per realizzare le sue opere differenziando i supporti che spaziano dal legno alle pietre marmo e travertino, al plexiglass, alla tela. Utilizza i suoi fili in percorsi lenti e misurati, li annoda, li incrocia in continui rimandi dal prima al poi, li organizza in sequenze ritmiche o libere combinazioni, in configurazioni cartesiane o intricati reticoli, li inabissa sotto grovigli inestricabili di altri fili, quasi voglia contrastare l’ineluttabilità dell’atto estremo di Atropo e quindi la fine della vita.

CARLA MURA 34_filtered.jpg